jump to navigation

SGUARDO SU PRESIDENZIALI FRANCESI, POCHE SPERANZE DI CAMBIAMENTO 27 aprile, 2012

Posted by pierinoilmissionario in Agenzie.
trackback

Domenica gli aventi diritto francesi, di cui tre milioni sono originari del Nord africa e dell’Africa subsahariana, andranno alle urne per il primo turno delle presidenziali. Un voto al quale il continente africano guarda con attenzione: 17 ex colonie francesi, ma non solo, hanno Parigi come partner commerciale privilegiato. A 50 anni dall’indipendenza dalla Francia i rapporti bilaterali sono ancora difficili, a causa della pesante eredità dell’epoca coloniale, di una lunga serie di ingerenze politiche e diplomatiche negli affari interni e di accordi con società francesi – da Areva a Elf-Total – quasi sempre iniqui per le nazioni africane e poco trasparenti.

Se ci sono 10 candidati in lizza, all’unanimità la stampa africana scommette su un ballottaggio, da tenersi il 6 maggio, tra il presidente uscente Nicolas Sarkozy, che ambisce a un secondo mandato, e il suo principale contendente, il socialista François Hollande. Anche se l’attenzione dedicata dai media continentali al voto francese è minore rispetto al 2007 – in parte a causa della preoccupante situazione in Africa occidentale, teatro di due colpi di stato in Mali e Guinea Bissau – la scadenza di domenica suscita numerosi interrogativi. Il più pressante riguarda il futuro delle relazioni bilaterali: in molti sperano in un cambiamento netto dopo decenni di ‘Françafrique’ (concetto che riassume l’intreccio di rapporti più o meno leciti tra la potenza occidentale e le sue ex colonie) ma in pochi credono che ciò avverrà, anche se dovesse vincere Hollande. In Africa c’è la netta convinzione che chiunque verrà eletto farà di tutto per continuare a tutelare gli innumerevoli interessi di Parigi nel continente.

Dal punto di vista africano, dal 2011 Sarkozy, candidato dell’Unione per un movimento popolare (Ump), ha perso molti punti in parte a causa della “netta deriva a destra” del suo partito in tema di immigrazione, diritti umani e attacchi al mondo musulmano rivolti ai migranti residenti in Francia. L’immagine del presidente uscente sul continente è stata molto offuscata da promesse di nuove relazioni fatte all’inizio del suo mandato ma non mantenute. Anzi, sotto il mandato di Sarkozy la Francia è intervenuta militarmente in Costa d’Avorio, a favore dell’attuale presidente Alassane Dramane Ouattara, dando una svolta alla violenta crisi elettorale dell’anno scorso con l’arresto dell’ex capo di Stato, Laurent Gbagbo. I soldati francesi dell’operazione ‘Licorne’ hanno sostenuto i caschi blu dell’Onuci e le forze pro-Ouattara.

Dal Camerun al Niger passando per il Mali, in molti sono stati delusi dall’intervento militare in Libia: negli ultimi mesi molti paesi del Sahel stanno subendo le pesanti conseguenze umane, militari ed economiche della caduta della guida libica, Muammar Gheddafi. Altri motivi di malcontento e di preoccupazione per il futuro, se Sarkozy venisse riconfermato, sono la questione degli accordi militari, la svalutazione del franco Cfa e il costante sostegno dell’Eliseo ai regimi dell’Africa occidentale. In Nicolas Sarkozy, ancora considerato un “leader dinamico e preparato”, molti osservatori africani vedono un baluardo della ‘Françafrique’ che nei fatti non è pronto a cedere terreno decisionale alle ex colonie. A Kinshasa, molti congolesi vicini al partito di opposizione di Etienne Tshisekedi non perdonano il silenzio di Parigi su quello che considerano un “furto elettorale” a favore del presidente Joseph Kabila, confermato alle controverse elezioni di novembre. A Bamako, dove la preoccupazione è alta per il futuro incerto dopo il colpo di stato e la crisi nel Nord, il nome di Sarkozy non è affatto popolare. La Francia viene indicata come parte in causa nella situazione creatasi nell’Azawad e accusata di avere una responsabilità diretta nell’espansione di Al Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi) per il frequente pagamento di riscatti quando i suoi cittadini vengono rapiti.

Il socialista Hollande viene invece presentato come “un volto nuovo”, una personalità “più aperta” nel suo rapporto con il continente, “meno aggressiva” e che forse potrebbe aprire la strada a rapporti se non alla pari almeno più equi. Dal suo programma di campagna e dai suoi discorsi elettorali, gli osservatori continentali valutano positivamente la volontà del Partito socialista (Ps) di favorire la cooperazione Sud-Sud, di collaborare con l’Unione Africana e le organizzazioni regionali e di dare maggiore spazio alla società civile africana. Altri sottolineano la sua “totale inesperienza” nelle questioni africane, criticano la sua apparenza “poco decisa e poco convincente” e considerano il suo programma politico sull’Africa “troppo vago”.

Nelle capitali africane il dibattito sulle presidenziali francesi è destinato a riaccendersi appena saranno noti i risultati del primo turno e in vista del ballottaggio.

da misna.org

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: