jump to navigation

Collegio Nossa Senhora de Fatima – Brasile 26 dicembre, 2012

Posted by pierinoilmissionario in Brasile, Progetti.
add a comment

COLÉGIO NOSSA SENHORA DE FÁTIMA
RELAZIONE 2012

Ricolmi di un sentimento di gratitudine a Dio ci incamminiamo verso la conclusione dell´anno scolastico e con gioia possiamo constatare che molte cose positive sono accadute nel decorrere di questo tempo. Abbiamo iniziato le attività il 23 Gennaio con 514 alunni, contando su un gruppo di 50 collaboratori tra docenti e funzionari.

Con intima soddisfazione mettiamo in risalto che il Collegio diventa ogni giorno sempre più bello ed è risaputo che un ambiente bello, gradevole, accogliente dà piacere e favorisce l´apprendimento. Sono state fatte alcune migliorie: una sala di appoggio al gruppo amministrativo, la sostituzione delle finestre in legno con finestre di vetro, il muro di cinta è stato tolto lungo tutta la facciata e sostituito con ringhiere che permettono la visualizzazione dell´edificio.

Oltre a questi interventi nella struttura fisica, sono stati promossi vari eventi con l´l’intento di favorire la formazione non solo in aula, ma anche negli altri ambienti della scuola e della società. Ne elenchiamo alcuni:

a) Il progetto “Narratori di storie infantili” di Monteiro Lobato, scrittore brasiliano, svolto nel 3º anno ginnasiale dall´insegnante Elisandra.

b) La XIII Festa Junina, chiamata “Arraial Estudantil”. Quest´anno si è voluto commemorare il centenario di nascita di Luís Gonzaga per riscattare il folclore brasiliano.

c) VIII JOINF (Giochi interni del Collegio), offrendo agli alunni momenti di divertimento e di integrazione mediante lo sport.

d) Festival di talenti, con varie presentazioni di pezzi di teatro, danze, musiche, poesie e altre abilità, per mettere in evidenza il talento degli alunni.

e) Azione Solidale, con lo scopo di promuovere la sensibilità degli alunni verso situazioni di bisogno e per rafforzare lo spirito di solidarietà e di aiuto.

Nel Collegio è stata introdotta una nuova dinamica, chiamata “Ruota di conversazione”. Famiglie e scuola si incontrano per discutere problemi relativi all´apprendimento, cercando soluzioni adeguate e soprattutto per chiarire la funzione di entrambe nel processo formativo.

Preoccupati del futuro del Pianeta, gli alunni del 6º e 7º anno hanno svolto delle attività utilizzando materiale riciclabile.

Sono stati promossi momenti formativi e di aggiornamento per gli insegnanti.

La “Notte del pigiama”, fatta dai bambini della scuola infantile ed elementare, ha donato momenti di sereno divertimento e di gioiosa convivenza.

Annunci

La lapide dei 400 anni di evangelizzazione 24 dicembre, 2012

Posted by pierinoilmissionario in Brasile, Progetti.
add a comment

 

Quanto si è trasformato l’ambiente della Ponta di Bonfim in S. Luiz Maranhão! Nella prima settimana di luglio de 1967 trascorsi quattro giorni per la páscoa degli hanseniani di quella Villa! Allora la case modeste e un gran numero di ammalati manifestavano la loro sofferenza, confortati della presenza delle suore della carità, di San Vicenzo di Paolo, che mi avevano chiamato per celebrare la Pascoa tra di loro. Le suore mi avevano avvertito perché usassi appena gli oggetti dell’altare, riservati esclusivamente per il celebrante. Ritornando, per rivedere questo luogo, mi stupii nell’incontrare casette belle e accoglienti: sono le case di quegli ammalati che decisero di rimanere là, quando il governo offrì pensione e casa fuori da quel luogo. Rimasero perché non avevano parenti ma ricevettero una casa bella oltre che la pensione. Maggiore la mia gioia nell’incontrare due persone anziane che ricevettero la comunione nella Pasqua di quell’anno 1967.
Oggi il luogo dispone della chiesa antica, costruita dal cappuccino P. Pierbattista da Cologno al Serio, totalmente rinnovata e conta, in una lapide sulla parete della chiesa, l’eroica perseveranza dei missionari che per lunghi anni si succedettero nell’assistenza agli ammalati: P. Cherubino da Carpiano, P. Ermete da Spirano, P. Eliodoro da Inzago, P. Gabriele da Lazzate, P. Sigismondo da Ombriano e per ultimo P. Pier Battista da Cologno che costruì la bella chiesa dove fu seppellito. Le sue ossa furono portate al cimitero del paese natale per desiderio dei parenti, ma il suo nome, assieme a quello degli altri confratelli che gli succedettero nell’assistenza amorosa ai poveri ammalati, rimane come un ricordo perpetuo, non solo in quella lapide ma nel cuore di quanti ricevettero da loro la più tenera e amorosa assistenza.
P. Gianfranco Frambi

Missione di Santana – Brasile 12 dicembre, 2012

Posted by pierinoilmissionario in Brasile, Esperienze dalle Missioni.
add a comment

Carissimi amici e benefattori delle nostre missioni,

si avvicina il Natale e voglio fare a tutti tanti auguri di BUONE FESTE!
Stiamo arrivando alla fine dell’anno e so che sarete curiosi di sapere cosa ho combinato durante quest’anno che sta per finire.
Niente di speciale!
Ho fatto il mio dovere di buon frate missionario, alle dipendenze dei superiori brasiliani.
Sono loro che comandano adesso!
Io sono solamente un SOLDATO RASO!
Però qualcosa di buono sto facendo ancora.
Con molto sacrificio siamo riusciti a comprare una casa attigua alla cappella di san Francesco, nel rione più povero della nostra parrocchia.
E questo per avere uno spazio per la catechesi e evangelizzazione.
Nel campo sociale è nata una bellissima iniziativa: LA MINESTRA PER I POVERI!


Un caro saluto a tutti e un grazie sincero per la vostra collaborazione e generosità.

Padre Frei Defendente Rivadossi
Missionario cappuccino in Amazzonia.

Missione di Imperatriz – Brasile 10 dicembre, 2012

Posted by pierinoilmissionario in Brasile, Esperienze dalle Missioni.
add a comment

Cari, vi mando queste due righe per ringraziare i benefattori

Luce e Gioia per i poveri

Il gruppo generoso della Pastorale della salute della nostra parrocchia di San Francesco, qui ad Imperatriz, vuole preparare per quest’anno momenti di felicità e di conforto ad alcune famiglie che soffrono con l’ammalato che assistono da anni.
Abbiamo pensato alla sofferenza di chi, da mesi e anni, accompagna il familiare e, oltre alla visita settimanale, stiamo preparando una visita a tutta la famiglia.
Senz’altro porteremo un aiuto materiale, cibo, vesti, medicine, ma vogliamo trascorrere qualche momento assieme, pregando, cantando, parlando di cose buone, aprendo il cuore alla fiducia in Dio.
Da gennaio di quest’anno sono qui ad Imperatriz, incaricato di assistere gli ammalati. Visito i cinque ospedali che si trovano nella nostra parrocchia ed i molti infermi nelle loro case.
C’é un ricordo nostalgico di Padre Beniamino che per sette anni ha volto questo ministero ed é ricordato ancora P. Elia, che volse questo ministero per quattordici anni di seguito, non solo nella parrocchia di San Francesco, ma in tutta la città.
Imperatriz sta crescendo, sempre più, attualmente conta 280.000 abitanti, anche la diocesi vede una crescita ammirevole.
Il 23 di novembre il vescovo Mons. Gilberto Pestana, ha ordinato tre novelli sacerdoti, P. Paolo, P. Nilson e P. Francildo, con la presenza di trenta sacerdoti e di una moltitudine che gremiva la cattedrale.
Sono la speranza di una chiesa che ringiovanisce e vuole recare al mondo la forza che viene dal Vangelo.

P. Gianfranco Frambi

Missione di Açailandia, diocesi di Imperatriz – stato del Maranhao, Brasile 29 ottobre, 2012

Posted by pierinoilmissionario in Brasile, Esperienze dalle Missioni, Progetti.
add a comment

E’ da giorni che non funziona internet ma ora sembra che riceva e trasmetta… Io tiro avanti, anche se purtroppo le gambe non vogliono saperne di portare e trasportare questo povero stanco corpo.
Dopo l’operazione della cataratta e della miopia ci vedo abbastanza bene, solo che a leggere mi stanco molto… e così passo i giorni senza fare quasi più niente… e questo mi secca.
Per il resto sto bene: sono servito dalla “sorella Francisca”: è cosí buona e brava… sono 8 anni filati che mai un giorno mi ha lasciato di servirmi: cucina, pulizie, giardino, pulcini, i miei animali, (pesciolini, cane, gattina con una coda da scoiattolo e occhi azzurri… una disperata…) e mi fa anche da infermiera, puntualmente mi dà le medicine.

Venire in Italia in queste condizioni è impossibile. Ma vi ricordo tutti i giorni e con le fotografie… diminuisce la nostalgia… Lasciamo il tempo al tempo…
Statemi bene e per tutti una preghiera, il ricordo e l’affetto… dal vostro Francesco.
Vi mando qualche fotografia del bel mondo in cui vivo… una poesia di bellezza, silenzio e pace: vivo in un’ oas
i … di pace e contemplazione… ci vorrebbe solo un pò di salute…


Ciao, a risentirci.
frei Narciso Baisini

OTTOBRE MISSIONARIO: notizie da fra Defendente Rivadossi 24 ottobre, 2012

Posted by pierinoilmissionario in Brasile, Esperienze dalle Missioni, Progetti.
add a comment

Carissimi amici,


stiamo vivendo il mese di ottobre, il mese missionario e so che sarete curiosi di sapere cosa sto facendo.
Nel lontano 1963 il giorno 20 ottobre ho ricevuto dalle mani del compianto Don Ernesto il Crocefisso di missionario.
Dopo quasi mezzo secolo sto guardando indietro per vedere cosa ho fatto in tutti questi anni.
Ringrazio il Signore per le tante cose fatte, e chiedo perdono per tutte le mie mancanze.
Gli anni sono tanti e adesso sto pagando un po’ i peccati della mia gioventù!.
Mi chiederete: “Ma adesso cosa stai facendo”?
Nulla di speciale. Sto vivendo la mia vita di buon frate a servizio dei poveri.
MI chiamano FREI DOS POBRES, Frate dei poveri!
Qui nella nostra parrocchia dedicata a San Pio da Pietrelcina, oltre a tante altre iniziative, è nata la MINESTRA DEI POVERI, tutti i lunedì.
Alcune brave signore preparano la minestra in un grosso pentolone e poi è distribuita ai poveri.
Ieri, 16 ottobre, era il giorno mondiale dedicato alla alimentazione.
Qui nel mio piccolo insisto molto perché ci sia sempre questo spirito di condivisione, che qui in Brasile ha un bellissimo nome: PARTILHA!

Un caro saluto a tutti.
Tanti auguri di BUONE FESTE.
Ci vedremo il prossimo anno per celebrare le mie Nozze d’Oro sacerdotali.

SANTANA, 17 ottobre de 2012

Frei Defendente Rivadossi
Missionario Cappuccino

OASIS 18 novembre, 2010

Posted by pierinoilmissionario in Brasile, Progetti.
add a comment

Il Centro “Santa Isabel da Hungria”
a BELÉM stato del PARÁ – Brasile

con il progetto OASIS sostiene più di 130 Bambini denutriti, di età compresa tra gli 0 ed i 6 anni;

tutto ciò è possibile grazie all’intervento iniziale del nostro Missionario Cappuccino Monsignor Serafino Spreafico, vescovo emerito di Grajaú (Maranhão-Brasile) e grazie al lavoro delle Suore Dorotee, che al Centro sono come Madri-Sorelle di quei bimbi tanto bisognosi. L’aspetto medico dell’accoglienza, dell’accompagnamento e della dimissione del bambino viene coordinato da un pediatra che da 27 anni dedica buona parte della sua giornata come volontario del Centro.
I bambini ricoverati presentano un grave quadro di denutrizione, causa anche di diverse malattie, che rallentano lo sviluppo fisico e mentale.Le famiglie dalle quali provengono sopravvivono nella povertà e nella miseria: abitazioni malsane, alimentazione non adeguata, acqua non potabile, mancanza del sistema fognario.

Il Progetto “OASIS” per bambini denutriti è costituito da due strutture:

1 – Centro di Recupero per bambini in grave stato di denutrizione – n° 53 Bambini da 0 a 3 anni presenti ogni giorno;
2 – Scuola di Educazione Infantile destinata ai bambini che hanno ricevuto le cure del Centro e che continuano ad essere accompagnati – n° 85 Bambini da 3 a 6 anni presenti ogni giorno.

Dagli inizi degli Anni 80 abbiamo avviato un’azione diretta a combattere la grande piaga della Denutrizione, spesso riscontrata nei Bambini che con le loro madri si rivolgevano al nostro Ambulatorio. Settimanalmente veniva effettuata la distribuzione del Latte necessario all’alimentazione ed il continuo controllo del Peso dei Piccoli.
Verificando che l’azione preventiva non dava risultati soddisfacenti, nel 1986 si è dato inizio al Progetto “OASIS” per il Recupero Nutrizionale dei Bambini da 0 a 3 anni che presentavano uno stato di denutrizione grave, quindi ad alto rischio.
Nel 2003, constatando che spesso i bambini dimessi che ritornavano presso le loro famiglie, in poco tempo perdevano tutti i benefici acquisiti con tante difficoltà, si è riusciti ad avviare una Scuola di Educazione Infantile per dare continuità al recupero fisico e mentale.
Dal 1986 al 2009) sono stati salvati 1.170 BAMBINI.

Con € 3.400,00 al MESE
Sosteniamo il Recupero Nutrizionale dei 130 BAMBINI presenti presso il Centro

I Fondi Mensili vengono utilizzati per gli Acquisti necessari e per i Miglioramenti delle Strutture, crescendo ogni anno nell’accompagnamento dei Bambini Denutriti e mantenendo sempre alto il livello Sanitario, Nutrizionale e Scolastico del Centro:
– garantiamo i Farmaci necessari, gli Alimenti giusti per una sana ed equilibrata alimentazione ed il Materiale Didattico;
– effettuiamo periodicamente Manutenzioni Ordinarie dei Locali, che durante gli anni sono state affiancate anche da Manutenzioni Straordinarie che ci hanno permesso di evolvere le nostre attività.

Affiancati alla gestione dei Frati Cappuccini, alla presenza delle Suore Dorotee ed all’aiuto dei Volontari, vi è anche un importante nucleo di personale dipendente formato da Medici, Insegnanti ed Addetti alla Cucina ed alle Pulizie, che garantisce la necessaria continuità e professionalità del Centro.

Dove siamo:
BRASILE Stato del PARÁ – Città di BELÉM
Via: Travessa Guerra Passos, 442 – Quartiere: Bairro do Guamá
Referente: Fra Luigi Rota

l’ultima relazione di fra Luigi Rota 15-09-2010

Sostieni questo progetto:

€ 30,00 offri l’assistenza a un bambino per un mese
€ 3.400,00 offri il recupero nutrizionale ai 130 bambini per un mese

oppure fai la tua offerta libera